Home > Recensioni > El Guincho: Pop Negro
  • El Guincho: Pop Negro

    El Guincho

    Loudvision:
    Lettori:

Non solo pop

Nel 2007 El Guincho stupì con “Alegranza”, suo secondo album ma primo successo. Oggi torna con “Pop Negro”, disco caratterizzato dallo stesso groove del precedente ma che allo stesso tempo risente delle diverse condizioni in cui è stato realizzato.

A differenza di “Alegranza”, prodotto dall’artista sul proprio computer, “Pop Negro”, contando sulle risorse che la casa discografica gli mette a disposizione, ha un sound arricchito da una maggiore varietà di strumenti musicali.

Il risultato è un mix di tastiera elettronica e percussioni che si allontanano dalla musica rap, richiamano la musica afro-latina e strizzano l’occhio al pop rendendo il disco appetibile per pubblici diversi.

Lo spirito di questo disco è ben esemplificato dal pezzo di apertura, “Bombay”, nel quale le percussioni sono accompagnate dal battito di mani mentre “Guetto Facil” richiama le atmosfere di “Alegranza” così da non scontentare i vecchi fan.
Le canzoni si susseguono mantenendo un ritmo incalzante per l’intera durata delle nove tracce regalando un’esperienza fresca e piacevole come un cocktail su una spiaggia delle Canarie. Tuttavia, per chi è meno abituato a bere, nove cocktail potrebbero dare un senso di nausea e far venire voglia di qualcosa di più sostanzioso.

Pro

Contro

Scroll To Top