Home > Zoom > ELEFANTI: il loro esordio noi ve lo raccontiamo traccia per traccia

ELEFANTI: il loro esordio noi ve lo raccontiamo traccia per traccia

Un esordio più eloquente non potevano farlo. Questo disco si intitola “Noi Siamo Elefanti” e mette in chiaro le carte e le regole del gioco sin da subito.

In campo scendono Francesco “Shamble” Arciprete (voce, chitarra e basso) e Matteo “Teo” Belloli (batterista e seconde voci) a regalarci un pop rock da sbavature di ruggine e zinco tipiche delle andature indie di questo periodo. La voce distorta per tutto il disco ci riporta inevitabilmente a chiudere un cerchio che richiama alla mente progetti americani di fama mondiale. Una bella prova di pop italiano lasciato libero alle contaminazione di ascolti e di mode. In rete il video ufficiale del singolo “Nel vortice (non è facile)”.

Elefanti, “Noi Siamo Elefanti” brano per brani

Avorio
Trasposizione allegorica in chiave “elefantesca” di come la società moderna si approfitti di quanto c’è di buono in ciascun individuo (come l’elefante che viene privato delle sue zanne dal bracconiere).

Me lo dici sempre
Nata da un groove di batteria, il pezzo è stato completato in 5 minuti. Il testo è un mero complemento alla parte ritmica, ma strizza l’occhio ad un tema noto come l’indecisione amorosa.

Nel Vortice (Non è facile)
Il pezzo parla di come possa essere difficile uscire dal “vortice” dei ricordi che una relazione lascia alle proprie spalle.

4 Lire
Pezzo di denuncia su come la società guardi oggi all’apparire (in questo caso alla ricchezza economica) e non all’essere. Il protagonista ideale di questa canzone è uno squattrinato che pur di appartenere al branco si vincola ad un tenore di vita superiore alle sue reali possibilità, ma una volta solo con se stesso, si redime e comprende che anche fuori da quel mondo ne esiste un altro in grado di apprezzarlo.

Un po’ conta (Se vuoi)
Un twist romantico in chiave moderna. Tema dominante è l’amore incondizionato che porta a fare qualsiasi cosa per riconquistare l’altro.

Cieli bui
Pezzo autobiografico che nasce da una presa di coscienza di come la vita ti possa prendere alle spalle e mutare da un giorno all’altro gli scenari futuri.

Ricordati di me
Racconta di un amore malato.

Scroll To Top