Home > Recensioni > Elio E Le Storie Tese: L’Album Biango
  • Elio E Le Storie Tese: L’Album Biango

    Elio E Le Storie Tese

    Data di uscita: 07-05-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Elio e soci suonano (anche) con una nota sola

La band più irriverente e divertente dell’ultimo ventennio italiano, dopo “Studentessi” (2008), tra un X-Factor dove Elio fa da giurato e un Sanremo dove tutti gli Elii arrivano secondi, ha dato alle stampe il “White Album” italiano, intitolato per l’appunto “L’Album Biango”. Qualitativamente, come testi e musica siamo ai livelli top della band. Le sanremesi “Dannati Forever” e “La Canzone Mononota” aprono un disco ricco di risate e tecnica, quasi al limite dell’assurdo, come loro solito. Un disco che va ascoltato, compreso e grazie al quale partiranno molte risate e il solito, grande interrogativo: ma se gli Elii avessero avuto testi seri e impegnati, con che gruppo geniale avremmo avuto a che fare?

“Il Ritmo Della Sala Prove”, ispirato ad ogni band che si approccia alla musica e si reca a provare, è anticipata dal dialogo must “ué, c’hai figu?…” che ci riporta all’apertura del loro esordio, quando si parlava di Buso e Facchetti. Altra chicca è “Lampo”, dedicata a tutti coloro che fotografano ovunque, sempre, in ogni momento. Fastidiosi sì, ma Elio aiuta a sorriderci su. Non solo testo demenziale, ma musicalmente è perfetta, rock’n’roll grintosissimo con un Cesareo in forma smagliante. Un ritorno sulle scene eccellente, un disco travolgente, vicinissimo ai fasti delle origini, con continui cambi di passo che lasciano la monotonia chiusa in un angolo: Elii “genii”.

Pro

Contro

Scroll To Top