Home > Recensioni > EnamirA: Ibrido
  • EnamirA: Ibrido

    EnamirA

    Loudvision:
    Lettori:

Dritti al cuore

Colpisce subito, non ti lascia il tempo di classificare, giudicare o capire. Sarà che il pezzo di apertura è il singolo che presenta l’album e in effetti è il tipo di canzone che senza permesso ti entra in testa e incomincia a girare spazzando via tutti gli altri pensieri.

Rock semplice che lascia trapelare la voglia di suonare buona musica, è questa l’arma adottatta da Michela Rota e soci. I testi cantati sia in inglese che in italiano prendono forma legandosi alle sonorità metal (ma non troppo) e rock pop (ma senza esagerare), insomma un giusto punto d’incontro che rende felice il cuore che poga al ritmo di queste sette nuove canzoni.

Se cercate di capire gli EnamirA datevi appuntamento a metà strada tra la nostra Elisa nazionale nella versione più incazzata e la Amy Lee internazionale in un suo giorno perfetto. Ecco, il sound di “Ibrido” si trova proprio lì, però con le sue particolarità distinte che differenziano questo album di debutto.

Band formata nel 2007, che dopo vari concorsi, show live e composizione di brani con lo scopo di cercare un suono tutto suo, finalmente pubblica un esordio discografico che non delude. Al contrario: travolge ed emoziona.

Pro

Contro

Scroll To Top