Home > Zoom > Ennio Salomone: il nuovo disco “Se Passeggio Faccio Prima” brano per brano

Ennio Salomone: il nuovo disco “Se Passeggio Faccio Prima” brano per brano

 

Si intitola “Se Passeggio Faccio Prima” la nuovissima prova d’autore di Ennio Salomone. Da Sciacca a Roma, passando per numerose caselle dove raccogliere pezzi di vita in un suono che, oggi, è molto aderente alle produzioni indie di questa classe operaia della canzone d’autore. Un po’ come nell’esordio del toscano Diego Esposito o come nelle produzioni pulite di uno Zibba di “Come Il Suono Dei Passi Sulla Neve”, con Salomone ci troviamo di fronte a una canzone fresca, originale, senza presunzioni e con una scrittura efficace sia da un punto di vista melodico che lirico. La bellezza della semplicità non smetterà mai di premiare e di seminare grandissime emozioni. Un disco breve, di 6 canzoni, un preludio e una chiusa di suoni aperti al mondo circostante. La metafora di questa vita caotica e i nostri passi che delle volte sono migliori di qualsiasi altra macchina.

Ennio Salomone, “Se Passeggio Faccio Prima” brano per brano

Se Passeggio Faccio Prima

Inizia la passeggiata, nel traffico di Roma. Non si capisce nulla, tranne la strada: quella sì. Esco di casa e sento la vita, i clacson, le canzoni, i borbottii di chi fa qualcosa che non vorrebbe fare e di chi si sente oppresso nel caos della metropoli. Tutto sommato è un buon inizio, se leggiamo la vita in chiave ironica.

35 Minuti Di Bacio

“35 Minuti Di Bacio” è una fotografia, un momento di intenso amore che ho voluto rendere fiaba. “Non dimentichiamoci delle cose importanti”, restiamo in contatto con questo momento qui. Mi pare un buon traguardo.

5647fe548279121ce5f443163f0e5f784e09a8fdLa Favola Di Coccodè

Questa canzone parla di un omone grande e grosso che parla, parla e non dice nulla. Allora io faccio finta di ascoltarlo, chiudo gli occhi e mi ritrovo in un immenso campo di grano. Penso ai miei amori passati, ai maglioni sbiaditi che indossavo per andare al cinema con lei e ai suoi vestiti che ha lasciato per sempre a casa mia. Appena riapro gli occhi Coccodè non c’è più.

Il Mondo È Felice

Un mondo al contrario, un dolore che diventa felicità. “Adesso che tu non ci sei il mondo è felice” ed è felice tutta l’umanità. L’oppressione di una quotidianità che diventa incontrollabile, specie per chi non riesce a stare coi piedi per terra. Insomma, alla fine la promessa di dedicarle una canzone, in un modo o nell’altro l’ho mantenuta.

Le Pantofole Del Cane

“Avevo un cane di nome cane”, in questo modo di certo non scorderò il suo nome. Anche perché rimane testimone oculare di una scappata. Forse dovrei eliminarlo, o forse no. Alla fine qualcosa di intenso è nato.

“E poi ad un tratto l’amore scoppiò dappertutto”, diceva qualcuno…

Io Ritornerò

La promessa di tornare, ma solo per riprendermi le cose che ho lasciato da lei. Insomma anche qui una promessa mantenuta, “più o meno” (cit.). ma al di là di lei, l’importante è tornare ogni tanto, per rivedere i vecchi posti, respirare la vecchia aria, capire quante cose hai lasciato e ritrovato.

Ludovica

Durante la nostra vita perdiamo un sacco di cose: amori, momenti, occasioni, amici. Perdere qualcosa non è sempre un male, anzi, spesso è un bene. Quando perdi qualcosa si ricomincia sempre, è una sorta di rinascita, un ricominciare tutto da capo. Ludovica l’ho persa sì, ma da questa perdita lei è rinata, io sono rinato. Continuiamo a specchiarci nel mare, da spiagge diverse, perché questo ci rende più belli. Allora rimaniamo belli, così mi diceva Ludovica.

Buona Cena

Ok, sono tornato a casa, forse al sud. Ceniamo, commentiamo il cibo, dopodiché a nanna.

La giornata è finita, ma io ho percepito un sacco di cose, ma non ve le racconto, prima devo comprenderle io.

 

Scroll To Top