Home > Recensioni > Entourage: Prisma
  • Entourage: Prisma

    Entourage

    Loudvision:
    Lettori:

Oikeiosis

Gli Entourage si formano nel 2001 all’ombra dello Stretto, sponda Punta Faro. Impiegano poco tempo a guadagnare consensi, dapprima finalisti al Jestrai rock Festival 2004, e rappresentanti della Sicilia all’Arezzo Wave nel 2006. Nello stesso anno vede la luce “Enter In Your Age”, biglietto da visita della band, per giungere all’esordio in full-length nel mese di gennaio con “Prisma”.

“Prisma” si colloca nel panorama del rock alternativo, scarroccia ora verso i Verdena, ora verso Marlene Kuntz. La base cantautorale incontra più d’una sezione melodica: si macchia di grunge quando le chitarre rallentano e il gridato anima i ritornelli, si muove tra comparti post-rock, folk e divagazioni psichedeliche. Per realizzare questa diversificazione, il trio messinese sposa l’ancestrale purezza di chitarra, basso e batteria col supporto digitale.

Seppur derivativo, “Prisma” è un esordio convincente, ad alto indice meditativo, distorto e fosco nella giuste proporzioni. Tra riflessione, rabbia e dolore, il groove a volte culla, a volte deflagra. Il tappeto sonoro è gregario dell’introspezione, vero filo conduttore di un album che “…po esse fero e po esse piuma…”. Mario Brega docet.

Pro

Contro

Scroll To Top