Home > Recensioni > Epsilon Indi: Wherein We Are Water
  • Epsilon Indi: Wherein We Are Water

    Epsilon Indi

    Data di uscita: 03-09-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Tredici anni dopo

Epsilon Indi è un progetto nato nel 1987 dalle menti romane di un gruppo di musicisti e di una compagnia di teatro-danza e che ad oggi conta innumerevoli dischi, spettacoli, documentari e colonne sonore nel proprio curriculum.

Questo ottavo album in studio entra nel DNA degli esseri umani e ne riscopre la base materica, ovvero l’acqua. Poiché i nostri corpi sono composti da H2O per il 70% non poteva esserci titolo migliore per celebrare siffatto elemento naturale.
La sperimentazione è la chiave di lettura dell’LP, il primo dopo tredici anni di silenzio dell’ensemble. Archi, pianoforte, voci maschili che ricordano la modulazione di Brendan Perry (Dead Can Dance): nulla potrebbe essere più diretto al sublime e alla contemplazione.

Non ci sono storie: gli Epsilon Indi fanno recuperare alla scena musicale alternativa italiana un sacco di punti persi a causa di band dall’incredibile banalità e mancanza di buone idee. Certo, taluni potrebbero accusarli di essere eccessivamente di nicchia, ma in quello che fanno sono ineccepibili. Provateli!

Pro

Contro

Scroll To Top