Home > Recensioni > Equilibrium: Sagas
  • Equilibrium: Sagas

    Equilibrium

    Data di uscita: 27-06-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Epos germanico

“Sagas” è una pietra miliare del viking più estremo e tamarro, che gioca senza ritegno nella contrapposizione violenta e ininterrotta tra ammiccanti melodie e sfuriate spaccadenti. Il singolo “Blut Im Auge”, per quanto memorabile, è poco meno di una trappola alla melassa se confrontato con gran parte del disco.
La mostruosa costanza di una batteria che tira il freno una volta ogni morte di papa va di pari passo con arrangiamenti da tastiera assolutamente evocativi, insozzati da un growl raschiato e onnipresente che sembra fatto apposta per mettere in fuga tutti i seguaci del metal melodico.

Un paradosso? Niente affatto, gli Equilibrium partoriscono un mix indigesto che divide gli ascoltatori e gli stessi fan del genere.

In “Sagas” c’è tutto: brutalità eccessiva, epiche melodie ispirate ai giganti del settore, paganesimo e quel pizzico di nazionalismo dato dalla scelta di comporre in lingua madre. Un disco dalla compattezza incrollabile, ricolmo di momenti ispirati al punto da sembrare un greatest hits. Anche se non bisogna tralasciare che, in mezzo a tanti fronzoli, si riconosce una band padrona dei propri mezzi.

Pro

Contro

Scroll To Top