Home > Recensioni > Eraldo Bernocchi, Harold Budd, Robin Guthrie: Winter Garden

Ambient-azioni

Il produttore/musicista italiano da sempre dedito alla sperimentazione, il co-fondatore dei Cocteau Twins e il guru della musica ambient. Eraldo Bernocchi, Robin Guthrie e Harold Budd hanno unito i loro universi musicali per dar vita a “Winter Garden”, ambizioso progetto che punta alla riscoperta dell’ambient in chiave onirica.

Punto di partenza, il minimalismo strumentale che tanta fortuna ha dato al genere. Il piano di Budd, che aveva in precedenza collaborato con gli altri due singolarmente, si apre agli inserti chitarristici di Guthrie.
Avvertibile, anche se in misura minore, l’azione di Bernocchi, che ribadisce con i synt le peculiarità atmosferiche della musica d’ambiente.

Questa musica strumentale, inventata ed elaborata da Brian Eno, può partire da un qualsiasi elemento, come il rumore del vento, o può accompagnare gli ambienti in cui viviamo. Bernocchi/Guthrie/ Budd con i loro tocchi cristallizzano lentamente le nevi invernali mentre la bianca stagione domina indisturbata. “Winter Garden” non mantiene certo tutte le promesse, ma ha il merito di riproporre con maestria il tipo di musica che molte altre ne fece nascere.

Pro

Contro

Scroll To Top