Home > Recensioni > ERRI: Dentro La Stessa Tempesta
  • ERRI: Dentro La Stessa Tempesta

    The Prisoner Records / none

    Data di uscita: 29-04-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Uscito il 29 aprile per The Prisoners Records e Viceversa Records, “Dentro La Stessa Tempesta” è il primo disco di ERRI, side-project di Carlo Natoli, un “esordio” che dimostra la sua maturità artistica, comprovata anche dalla scelta di comporre e cantare interamente in italiano, senza alcun filtro linguistico. Tutte le tracce di questo progetto musicale ci raccontano con malinconia e inquietudine la società di oggi, contagiata da una impassibile apatia per il mondo e i nostri simili. Emblematico è “Niente nel mio cuore”, brano d’apertura che prospetta la nostra trasformazione in organismi scientifici a metà fra l’umano e l’elettronico; ma così come un cuore, anche dopo essere estratto e sezionato, continua a palpitare come la Natura gli ha insegnato, anche ERRI “tra la gente che vede solo fin dove c’è buio, resto in cerca di sangue e di rose”, unica immagine che ci ricordi la bellezza della Vita.
“Imperturbabili” è la forte la presa di coscienza della nostra solitudine, resa spessa da muri invisibili di cui a volte nemmeno sembriamo accorgerci, mentre brindiamo (da soli e a quale felicità?) appunto imperturbabili, mentre“Allenati” parla di occhi e orecchie, organi sensoriali nel tempo addestrati alla totale indifferenza. A fronte di questo paradosso, ecco nascere nel cantautore il germe della ribellione, una lotta forse in grado di farci tornare a guardare, a sentire, ad essere umani.
Il risultato finale è un pieno accordo tra il testo musicale e testo scritto, un alternative/electro-rock che sa di grigia vita urbana e poco di poetici paesaggi siciliani.

Tracklist:
1)    Niente Nel Mio Cuore
2)    I Tuoi Anni Migliori
3)    Allenati
4)    Ogni Momento Che Passa
5)    Imparare L’inglese
6)    Imperturbabili
7)    Sogni Siamesi
8)    Proiettili Insignificanti
9)    Relitti Perfetti

Pro

Contro

Scroll To Top