Home > Recensioni > Etnia Supersantos: L’Abominevole Uomo Delle Fogne
  • Etnia Supersantos: L’Abominevole Uomo Delle Fogne

    Etnia Supersantos

    Data di uscita: 19-06-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Dal cinema al collettore

Prendete sei elementi da sbarco, contestualizzateli in Puglia e fategli fare la musica come gli pare e piace: avrete gli Etnia Supersantos, oggi all’uscita del secondo album.

Non c’è modo di tenere il gruppo in un recinto come fosse un gregge di pecorelle; i generi su cui mettono mano sono tanti e forse non si riesce nemmeno a trovarli tutti. Si sente un po’ di liscio, un po’ di rocksteady, un po’ di rilassatezza reggae, questo è certo.

Il tratto comune ai quattordici brani è l’atmosfera scanzonata e giocosa in cui si animano le piccole vite dei piccoli uomini, raccontate all’interno di cornici realistiche ma al contempo fantasiose.

Il cast del lavoro è assai ricco di speciali collaborazioni: Gianluigi Carlone – sax soprano della Banda Osiris -, Gaetano Santoro di Roy Paci e Aretuska, Francesco Giorgi del Trio Radio Marelli per citarne alcuni.
La perizia tecnica e la capacità di fare spettacolo in tutti i sensi sono lì, sotto le orecchie di chi ascolta. Sarà però difficile accontentare chiunque.

Pro

Contro

Scroll To Top