Home > Recensioni > Evil’s Back: Oliver Weers

Rock in televisione

A chi tutto e a chi niente, o quasi.
Oliver Weers è un tizio che ha partecipato alla versione danese del programma X-Factor, quello che vorrebbe scoprire nuovi talenti della musica.

Il semi-giovane ne ha tirato fuori “Evils Back”, suo secondo lavoro in studio. Nelle dodici tracce viene portato avanti un discorso hard rock-metal ricolmo di influenze messe alle scoperto, ma anche tanto impegno e passione per il genere. Si spazia da brani veramente classici come “All My Life”, a passaggi più spinti quali “Much Too Much”, fino alla ballata “Beautiful Rain” che sembra rubata a Ozzy. Il disco offre un panorama rock piacevolmente pesante, orecchiabile e intenso.

Il lavoro di Oliver Weers, sostanzialmente buono e in grado di bilanciare scarsa originalità e presenza individuale, impone una considerazione generica e scontata. Altrove, lontano dall’Italia, la televisione partecipa alla notorietà di gran parte dei generi musicali. Non solo pop. Non solo il vecchio giro dei cantautori. Non solo la commerciale. Altrove è meglio, nel Bel Paese è peggio.

Pro

Contro

Scroll To Top