Home > Recensioni > Ex-Otago: Mezze Stagioni
  • Ex-Otago: Mezze Stagioni

    Ex-Otago

    Loudvision:
    Lettori:

E tu li hai prodotti gli Ex-Otago?

Gli Ex-Otago hanno permesso ai loro seguaci di produrre il nuovo disco “Mezze Stagioni”, grazie alla formula dell’Azionariato Popolare. La loro libertà decisionale in cambio di una sfilza di nomi tra i produttori.

Non occorre intuito, dunque, per capire che il quartetto genovese ha voglia di suonare e basta. Ecco perché si fatica ad immaginarli diversi dai loro testi e dall’ironia che li riempie.

Stavolta cantano in italiano, la lingua che il pop – specie se volto al sorriso – lo rende bene. Lasciamo, dunque, la poesia ai francesi, i balli di gruppo agli spagnoli, il rock agli americani e prendiamoci questi gioiellini popular.

La risata è assicurata, ecco perché l’appuntamento da non perdere è il live.

La seconda prova in studio “Tanti Saluti” ci aveva fatto capire che di questi ragazzacci ci si poteva fidare. “Mezze Stagioni” mantiene le promesse, girando nello stereo fino a provocarne dipendenza. Fino a cantare i testi e prendere uno strumento immaginario tra le mani.

Insomma, se siete troppo giovani per ricordarvi i Beach Boys, se siete troppo scemi per prender parte ai concerti politicamente impegnati, allora gli Ex-Otago sono il gruppo che fa per voi.

Pro

Contro

Scroll To Top