Home > Report Live > Exotic Birds Travelers

Exotic Birds Travelers

In pista già dal 2008 con l’album omonimo e, ad oggi, nel bel mezzo di un tour mondiale volto a raggiungere i propri fedeli e a divulgare il più recente “Helplessness Blues”, i Fleet Foxes dedicano al Bel Paese tre giorni della loro grazia.

L’Estragon di Bologna probabilmente non è il miglior locale per rendere giustizia alla musica dei Fleet Foxes, almeno per quanto riguarda l’aspetto estetico-architettonico, il quale ha di certo gravato sull’impressione generale del concerto. I Fleet Foxes sembravano rarissimi esemplari di uccelli esotici chiusi in una gabbia di metallo.

A prescindere dal contesto, ciò che si percepiva era il viaggio: come l’incredibile esperienza che stanno accumulando durante questo tour mondiale e inteso, soprattutto, come la dimensione onirica nella quale vogliono trasportarci già a partire dalla prima canzone, “The Plains/Bitter Dancer”.

Il fonico ha davvero fatto un ottimo lavoro, i suoni erano perfetti. Le voci erano talmente chiare e intrecciate tra loro che potevano sembrare in playback, se solo Robin non ci avesse dedicato qualche graditissima interpretazione estemporanea dei cori. Incredibile quanto si sentissero le singole note di ogni strumento nonostante la compattezza del suono generale.

Un abbraccio virtuale al batterista Joshua Tillman per quel piccolo errore durante “The Shrine/An Argument”: in qualche modo è stato come se ci avessero voluto dire “siamo umani anche noi”! E per questo vogliamo loro un sacco di bene. È chiaro che dopo centinaia di volte che suoni la stessa canzone è proprio il cervello dell’artista e del creativo a pretendere una variazione.

Graditissimo cadeau, la nuova “I Let You”, eccezionale tanto per la semplicità quanto per l’intensità e l’intimità che lascia trapelare, proprio come lo stile che contraddistingue tutto il gruppo e giustifica la loro meritata posizione tra le band più importanti del momento.

The Plains / Bitter Dancer
Mykonos
English House
Battery Kinzie
Bedouin Dress
Sim Sala Bim
Your Protector
White Winter Hymnal
Ragged Wood
He Doesn’t Know Why
Lorelai
The Shrine / An Argument
Blue Spotted Tail
Grown Ocean

I Let You
Sun It Rises
Blue Ridge Mountains
Helplessness Blues

Scroll To Top