Home > Zoom > Fabio Curto: Rive, Volume 1, il nuovo disco brano per brano

Fabio Curto: Rive, Volume 1, il nuovo disco brano per brano

 

Con “Rive, Volume 1” torna in scena Fabio Curto, il vincitore di The Voice of Italy del 2015. E torna in una veste sua, personale, di quel blues di strada che sposa il mondo digitale del pop contemporaneo. Un disco prezioso che celebra i cliché di forma, il gospel nero, quell’inevitabile sapore di cotone che il buon Zucchero ha reso “pop(olare)” in lungo e in largo e non solo in Italia. E quella meravigliosa voce che riprende le finezze del boss soprattutto quando si accomoda in chiuse inglesi come nella splendida “Domenica” che chiude la track list ufficiale. Il disco ha anche due bonus track per le pubblicazioni fisiche e digitali. In rete il video ufficiale del singolo “Mi Sento In Orbita” dove, per mestiere radiofonico o per estetica del tutto, si celebra a pieno la forma di un genere di musica che somiglia più ad un modo di vivere che ad un modo di scrivere canzoni.

Fabio Curto, “Rive, Volume 1” brano per brano

Suona Con Me

La ricerca di sé, un climax “dark blues” nel quale i suoni primitivi raccontano di una tematica antica ma sempre attuale. “Suona con me” è un’espressione di condivisione e umanità, tematiche centrali nello stile di Fabio Curto.

Mi Sento In Orbita

La forza di un inciso che suggerisce rottura e “fame” di adrenalina, nessuna voglia di scappare, ma piuttosto di restare a godersi questo spettacolo che corre come una decappottabile d’epoca lanciata in autostrada di notte mentre i pensieri irrequieti tentano di fare pace con loro stessi. Il contenuto narrativo gioca sulla dicotomia in contrasto fra due necessità opposte.

Neve Al Sole

Strettamente collegata ad “Only you”, è una presentazione dello stato di mancanza di un qualcosa, un qualcosa di irrinunciabile tiene legato il soggetto a questo desiderio, un desiderio essenziale, ermetico come il suo testo che dice tutto quello c’è bisogno di sapere sul contenuto della canzone, la melodia carica gradualmente fino ad un’esplosione potente ma scura e noir.

Only You

I ricordi di una passione impossibile riecheggiano nella notte percorrendo le vie desolate della città; un amore malsano che ognuno di noi ha conosciuto almeno una volta e dal quale a volte è difficile separarsi.

Un’ora Fa

Una vita in autostop, un’estate in autostop, in gusto dell’imprevedibile, il dover presentare sempre la versione migliore di sé poiché nessuno è costretto ad indagare sulla vita di un forestiero. Ancora una volta il viaggio è il fulcro in un rock blues estremamente accattivante.

FabioCurto_RiveVolume1_CoverAlbumL’Airone

Ispirato ad una storia vera tratta il tema della malattia e del miracolo di avere qualcuno vicino che ti ricordi il sapore della bellezza e della felicità solo con un sorriso. Melodia molto onirica, anche qui si avverte una solitudine immensa “è un abbraccio Il silenzio “contrapposta a un inciso aleatorio e poetico che smuove sensazioni emozionanti.

Fragile

Emarginati che entrano ed escono dalla comunità meno affollata, spesso l’unica disponibile, etichettati come irrecuperabili o come socialmente inadatti tornano a vivere “nel mondo degli avvoltoi” consapevoli che in mezzo a tutta quell’indifferenza c’è qualcuno “fragile come me”.

Domenica

Riflessioni e pensieri liberi prendono forma dai fumi di un sabato sera, compagni di una camminata solitaria alle prime luci dell’aurora che rischiarano le “saracinesche dei bar” tra i resti abbandonati di “feste d’addio”. E come un addio suona la buonanotte di “Domenica”, il saluto malinconico a ciò che è stato e forse non sarà mai più.

Alone (Bonus Track)

Un disorientamento emotivo, l’indecisione di quale delle molteplici strade seguire, sicuro che in fondo a una di quelle “there’s a star” e qualcuno pronto ad ascoltare. “Alone” è dolore e speranza, rabbia e amore, una sincera apertura all’universo di sentimenti contrastanti che vivono nell’artista.

Via Da Qua (Bonus Track)

presente solo nell’album fisico

Imbrigliato nelle trame di una rete che soffoca l’animo, l’artista cerca la fuga verso tempi e luoghi migliori, dove ritrovare quei valori nobili che sembra aver perduto e tener viva la speranza nel futuro e nel prossimo. La potenza di “Via da qua” è frutto di sentimenti veri, vestiti di sonorità pop folk eseguite su tammorra e bouzouki irlandese, strumenti cari in passato anche a De Andrè.

 

Scroll To Top