Home > Recensioni > Fabio Zuffanti: La Foce Del Ladrone
  • Fabio Zuffanti: La Foce Del Ladrone

    Fabio Zuffanti

    Loudvision:
    Lettori:

L’evoluzione continua

Musica italiana, e va bene. Sonorità che ricordano un po’ il più grande innovatore della nostra musica, Battisti. Testi e alcuni momenti che invece ricordano Battiato. Con questo mix Fabio si presenta con “La Foce Del Ladrone”.

Certo ne deve mangiare ancora di pasta per essere alla pari nei confronti, anche se nel complessivo ci piace, nonostante la leggerezza musicale che regna in alcune canzoni, singolo compreso. Fabio però ha talento e lo dimostra con “Se C’è Lei”, canzone pregna di emotività persa tra violini e pianoforte.

Terzo album per l’artista ligure che lascia alle spalle la sua vena più scura per intraprendere una nuova strada più pop. Il titolo dell’album è un omaggio al disco di Battiato intitolato “La Voce Del Padrone”, album che ha spinto Fabio a immergersi nel mondo musicale.

Il cambiamento per un artista porta sempre a nuovi dubbi. Per certi versi con il nuovo album possiamo dire che la capacità è una costanza di Mr. Zuffanti, ma questo lato pop sembra che abbia fatto perdere un po’ della sua identità rendendolo troppo simile a altri artisti odierni. Nulla da eccepire, tuttavia, sulla sua bravura e il suo impegno. L’evoluzione continua.

Pro

Contro

Scroll To Top