Home > Recensioni > Fabio Zuffanti: La Quarta Vittima
  • Fabio Zuffanti: La Quarta Vittima

    AMS Records / BTF

    Data di uscita: 15-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

“La Quarta Vittima” è il nuovo lavoro di Fabio Zuffanti. Zuffanti è un artista poliedrico, con un’esperienza ventennale nel mondo del prog e del rock italiano, sia come leader di diversi progetti (Finisterre e Hostsonanten sopra tutti), sia nella sua carriera da solista. “La Quarta Vittima” prende spunto dall’onirico libro “Lo specchio nello specchio”, dove prende vita un universo surreale e pieno di angoscia. Nello stesso modo il disco diventa un concept album, dove le sette tracce spaziano tra rock, prog e jazz- Si mischiano, si rincorrono e si chiamano. Ne risulta un lavoro complesso, per un artista ricco di sfaccettature e pieno di rimandi e citazioni illustri. Da poco abbiamo parlato di un disco ispirato a Zappa (qui) ed eccolo che torna a farsi sentire anche in questo lavoro.

Difficile non farsi coinvolgere da un disco come questo. Suonato davvero bene, surreale e coinvolgente. Lontano dal divismo della musica italiana di oggi. Un album impreziosito da assoli degni dei Pink Floyd, come in “La Certezza Impossibile” o “Una Sera D’Inverno”. Si passa da incantevoli fraseggi jazz come in “Sotto Un Cielo Nero”, a sonorità più metal come “L’Interno Di Un Volto”.
Zuffanti ci conduce in un universo parallelo, che all’inizio può togliere il fiato e causare smarrimento. Dopo il secondo ascolto però, finisce con il conquistarti e non vorresti più uscirne.

Pro

Contro

Scroll To Top