Home > Recensioni > Fabryka: Istantanea
  • Fabryka: Istantanea

    Fabryka

    Loudvision:
    Lettori:

Elettronica acustica

Nel rigido inverno del 2004 si formano i Fabryka, quartetto pugliese che manifesta sin da subito una considerevole passione per le atmosfere fredde e magiche del sound nord europeo. Atmosfere che li porteranno ad essere influenzati da gruppi quali Portished, Bjork, Massive Attack e Sigur Ros.

Con alle spalle significativi riconoscimenti degli addetti ai lavori – nel 2005 vincono il premio “Best Live Media”, nel 2006 il “Premio SIAE” e sempre nello stesso anno il concorso per band emergenti “Nokia For Music” – esordiscono quest’anno con l’album “Istantanea”, anticipato dall’EP “In Un Modo Semplice”, che contiene il singolo omonimo più 3 diverse versioni remixate da Gleamer, Hura Yup, Marco Messina e 2 inediti.
“Istantanea” è un album delicato, dalle atmosfere rarefatte e raffinate; il sound è caratterizzato da un armonico mix di musica elettronica e acustica, il tutto accompagnato da melodie romantiche e malinconiche e da arrangiamenti morbidi e curati nei dettagli.
I 14 brani si snodano agili e concilianti senza brusche frenate. A partire da “Intro”, dolce introduzione a suon di carillon, e a seguire con “Passi Distratti”, “Febbraio”, “All’Incrocio”, è un susseguirsi di pezzi aggraziati, dai ritmi sofisticati e gradevoli che scivolano lievi e armoniosi per chiudersi con gli eleganti arpeggi di “Legami”.

I Fabryka hanno stoffa, non c’è dubbio. Dimostrano di saper unire, alla profondità dei testi, la leggerezza dei suoni e la ricercatezza delle melodie. Questo connubio li rende sicuramente originali, ma anche estremamente attuali e fruibili.
Per riportare il sereno in giornate di forte stress e fastidioso nervosismo.

Scroll To Top