Home > Recensioni > Factory Of Dreams: Poles
  • Factory Of Dreams: Poles

    Factory Of Dreams

    Data di uscita: 01-01-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Gotico in maschera

Hugo Flores è una sorta di Lucassen portoghese. Jessica Letho è una versione prog-oriented di Tarja Turunen. Insieme danno invece vita al nuovissimo progetto dei Factory Of Dreams, un debutto che miscela le influenze goth-rock a quelle elettroniche e progressive. L’album mostra un lato sperimentale di indubbia osticità, cui cerca di rimediare con soluzioni melodiche, non poche volte tutt’altro che originali. Superata la prima barriera, ci si affaccia su ambientazioni futuristiche ed astratte, accentuate da una concezione rarefatta del sound. Ma ad appesantire il lavoro, oltre alla accennata complessità di un songwriting spesso smarrito alla ricerca di intricate soluzioni, ci pensa un velo drammaturgico, che scende come una coltre sulle undici tracce.
Within Temptation e Nightwish sono i principali ispiratori dell’opera di Flores. La componente gotica infatti predomina sulle altre fonti dell’album, uccidendo anche i pallidi accenni di originalità.
Doti sprecate probabilmente nella ricerca del consenso popolare. Non restano che le ombre di due talenti inespressi.

Scroll To Top