Home > Recensioni > Fallen Within: Intoxicated
  • Fallen Within: Intoxicated

    Fallen Within

    Data di uscita: 14-12-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Avanti un altro

Album di debutto per i greci Fallen Within e possiamo già andare oltre.

Spieghiamoci: c’è una certa quantità di discreto melodic-death in “Intoxicated”, anche se non certo della miglior specie. Insomma, molti lo liquiderebbero come metalcore e basta. Urla, spezzoni scream, ritornelli clean con in contemporanea aperture chitarristiche melodiche, sezione ritmica frenetica e ripetitiva e il minestrone riscaldato al microonde è servito.
Qualche volta la tastiera fa lavori interessanti, ma il tutto è ancora acerbo e il sopracciglio torna presto in posizione normale. I testi sono negativi ed energici, ma chiunque ha già imparato a masticare acido (musicalmente parlando) con altri gruppi non noterà neanche una nota fuori dall’ordinario.

Insomma, i Fallen Within non hanno niente di speciale. Il loro sound moderno può avere un certo appeal sui più giovani, quello sì. Ma, nella realtà discografica, essere una band di onesti mestieranti non è un merito.

Il 2009 finisce e c’è da buttare un altro disco nel mucchio. Vedremo che ne sarà in futuro della band, quanto e come promuoverà il disco. Non è giusto da parte nostra chiudere in maniera preconcetta a nessuna prospettiva, soprattutto quando si parla di una band giovane. Ma l’inflazione di produzioni nel genere che suonano è sempre così scoraggiante…

Pro

Contro

Scroll To Top