Home > Recensioni > Fanfarlo: Rooms Filled With Light
  • Fanfarlo: Rooms Filled With Light

    Fanfarlo

    Loudvision:
    Lettori:

Pagate le bollette

Invisibili, eppur presenti.
Così ci erano sembrati di primo acchito i Fanfarlo, a.k.a. cinque giovani musicisti che ormai fanno praticamente indie pop.
Uno dei fondatori, Giles, se n’è andato e forse questo si sente. Forse molto.

Nonostante la base primordiale rimanga intatta, il cazzotto di energia e sorpresa che per ipotesi dovrebbe rompere i dentini dell’ascoltatore arriva con grande lentezza, quasi stanco di viaggiare nell’etere per posarsi sulla guancia del prossimo.

Pollice in su per la passione rivolta alle storie quotidiane (rilette in chiave bambinesca), ma manca qualcosa.

Non stiamo affatto mettendo in discussione le capacità della band londinese, che tra l’altro quel che doveva dimostrare al pubblico internazionale l’ha dimostrato già tre anni fa riscuotendo un notevole successo. Qui puntiamo l’indice contro la scarsa inventiva che ha portato alla disfatta un lavoro potenzialmente calibrato.

Pro

Contro

Scroll To Top