Home > Recensioni > Fatal Force: Unholy Rites
  • Fatal Force: Unholy Rites

    Fatal Force

    Data di uscita: 23-07-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Fiato corto

I Fatal Force sono un gruppo danese di power metal e hard rock fondato nel 2005. “Unholy Rites” è il secondo lavoro in studio, a distanza di quasi sei anni dal primo.

L’attesa ha prodotto un disco dalle sonorità uniformi, appena scostato dal precedente a cominciare dalla voce: il cantante turnista Michael Vescera – adeguato ma completamente anonimo – è ora al posto del collega Mats Levén. Il cruccio è però tutto nella forma canzone. L’esperto chitarrista è sì incline agli assoli, ma asfittico quando si tratta di creare partiture con una matrice autonoma, minimamente varia e creativa. “Run For Cover” attacca con un certo brio, ma poi prende piede una specie di riff base, permanente, che si strascica quasi senza tregua.

Difficile assimilare “Unholy Rites”. Non tanto per complicatezze insite nella musica, quanto per il suo trascinarsi traccia dopo traccia su intensità stabili, ripetitive e piatte, con una qualità di registrazione che non riesce a valorizzare elemento alcuno. Brani come “Fight”, “Lessons In Evil” e “Listen To Reason” si distinguono più che altro per le infinite reiterazioni del verso principale, destinato a esaurire la tolleranza dell’ascoltatore.

Pro

Contro

Scroll To Top