Home > Recensioni > Feet Down Below: Feet Down Below
  • Feet Down Below: Feet Down Below

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 01-10-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Piacenza è la culla di una band formata da cinque artisti che, sebbene solo a ottobre 2014 siano usciti col loro primo album, si sente lontano un miglio si son fatti il mazzo nel mondo musicale ormai da qualche tempo.

Stiamo parlando dei Feet Down Below, il cui esordio omonimo “Feet Down Below” è un passaggio di testimone da un’epoca storica all’altra (sempre musicalmente parlando), con un riflettore decisamente puntato sugli anni Sessanta e Settanta- ma senza mai disdegnare i contemporanei, anzi. Non c’è alcun dubbio, ai cinque piacciono le influenze che gli hanno lasciato gruppi del calibro dei Beatles, dei Clash (in “Change” si percepisce subito il tocco, che forse ricorda un po’ anche i più moderni Babyshambles) e di tanti altri nomi che probabilmente durante l’ascolto vi sovverranno man mano.

C’è spazio non solo per il rock più classico (“Revolution”), ma anche per il folk e le chitarrine soffici, come testimoniano “All My Time” e “Road To The Sky”, quest’ultima beatlesiana all’ennesima potenza. Insomma, i Feet Down Below conoscono la materia e ci si muovono bene.

Possiamo solo consigliargli di continuare con il loro mestiere affinché la maturità artistica venga raggiunta il prima possibile, poiché la base di partenza è buona, tuttavia si sente che il quintetto potrebbe dare molto di più. Intanto, la cover ci piace assai.

Pro

Contro

Scroll To Top