Home > Recensioni > Felpa: Paura
  • Felpa: Paura

    Sussidiaria / audioglobe

    Data di uscita: 02-02-2015

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Come si sente una tuffatrice nello spazio profondo?

La domanda sorge spontanea dalla copertina del nuovo album di Felpa, aka Daniele Carretti, “Paura”. Una figura femminile dal costume scarlatto è lì, sul bordo del trampolino che le darà la spinta verso il vuoto cosmico; ed è la gravità a tenerla ferma così, statua immobile in un’immensa oscurità rischiarata dalle luci degli astri. Prima c’è stato l’abbandono, ora è il momento della paura, che però bisogna affrontare in qualche modo. È proprio quella tuffatrice a testimoniarlo.

Daniele ha dato vita a un decalogo intinto fino al mento nella mestizia e in un senso di nostalgia che si appiglia alla gola provocando il cosiddetto magone. Si parte con “Buio”, brano che ricorda le atmosfere sognanti e tristi dei Cocteau Twins e che proietta l’ascoltatore in un paesaggio di desolazione e solitudine. Vi si allaccia la più cupa “Inverno”, singolo che mi era già capitato di ascoltare dal vivo in un’esibizione romana del musicista- indubbiamente apprezzata. Quel che è certo, già dai primi due pezzi, è che stavolta l’acustico è stato lasciato quasi del tutto in disparte- “Stanotte” è l’eccezione che conferma la regola- per dare maggiore adito all’elettricità della chitarra, a quei respiri lunghissimi di cui è intriso ogni pezzo a venire.

Gli arpeggi sconsolati (“Accanto A Te” è un esempio palese), degni di The Black Heart Procession e dei momenti più intimisti degli Interpol, segnano la cadenza lenta e minimale di ciascun passaggio. Lungo l’ascolto la voce di Daniele appare sempre lontana, sebbene partecipe delle impressioni emozionali che scaturiscono dalle sue armonie, come a significare un distacco fisico dalle vicissitudini narrate nelle liriche.

Le influenze sonore stanno a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, con un particolare amore per l’evocazione dello shoegaze. “Paura Mai” sembra guardare gli occhi di Robert Smith, mentre la strumentale “Spazio” gli americani Low, a cui sappiamo che Felpa è molto legato. Se ad aprire il disco sono state le tenebre, sovviene “Luce” a chiuderlo, forse per farci comprendere che tutto, prima o poi, può giungere a una soluzione positiva.

La forza d’attrazione non è mai stata così affascinante.

 

gravità
gra·vi·tà/
sostantivo femminile
  1. 1.
    Preoccupante difficoltà o pesantezza: la g. della situazione; durezza.
    “la g. di una pena”
    • Entità o importanza.
      “la g. di una decisione”
  2. 2.
    Compostezza severa e solenne.
    “parlare con g.”
  3. 3.
    Forza di gravità (o sempl. la gravità ), quella con cui la Terra attrae i corpi, che si manifesta con la tendenza di questi a cadere verso il basso; è la risultante della forza di gravitazione e della forza centrifuga dovuta alla rotazione terrestre; essendo funzione della latitudine e dell’altitudine varia da punto a punto.
    • Accelerazione di gravità, l’accelerazione che acquista un corpo materiale sotto l’azione di tale forza; è la stessa per tutti i corpi indipendentemente dalla loro massa.
Origine
Dal lat. gravĭtas -atis, der. di gravis ‘grave’ •prima del 1311.

 

 

 

 

Pro

Contro

Scroll To Top