Home > Recensioni > Fergus & Geronimo: Funky Was The State Of Affairs
  • Fergus & Geronimo: Funky Was The State Of Affairs

    Fergus & Geronimo

    Loudvision:
    Lettori:

Usciti pazzi

Il pianeta terra è stato ingravidato per la quinta volta, e mica in un posto qualsiasi: a Brooklyn.
Colpevoli del misfatto: Fergus & Geronimo, due che il cervello lo hanno; dove, però, non si sa.
Nome del futuro genito: non lo ripetiamo perché è lunghissimo ed è scritto là sopra.

Quel che conta alla fine è: FOLLIA, COSE A CASO, ROCKETTINO SCOORDINATO. Un po’ come se avessero preso gente abituata a fare psichedelia/elettronica, le avessero dato gli strumenti e le avessero detto “Bene, ora facci del jazz con delle influenze art pop e punk”.

Il risultato sono sedici canzoni che solo il termine inglese “weird” è capace di rappresentare appieno.
Da assaggiare.

Il duo non è sempre stato così incline all’uscire di senno; gli inizi furono certamente più contenuti negli argini rispetto a ciò che ci capita di ascoltare adesso, anno 2012. E a noi va benissimo l’attuale scelta, per davvero.
Roba da evitare la prossima volta: strutture che di tanto in tanto partono bene e finiscono malino.

Pro

Contro

Scroll To Top