Home > Rubriche > Eventi > Festival di Sanremo 2008: SanRemo… aiutaci tu

Festival di Sanremo 2008: SanRemo… aiutaci tu

L’egemonia mediatica sanremese ci invita a prendere parte alla solita e italianissima querelle critica circa le proposte che quest’anno calcano il palcoscenico del blasonato teatro Ariston.

EUGENIO BENNATO “Grande Sud”: popolare, troppo popolare

SERGIO CAMMARIERE “L’aAmore Non Si Spiega”: classe e ricercatezza nel riproporre sé stesso, uguale a sé stesso.

TOTO CUTUGNO “Un Falco Chiuso In Gabbia”: Toto come anagramma di otto, i minuti si aerosol necessari per riprendersi

GIO’ DI TONNO & LOLA PONCE “Colpo Di Fulmine”: rassicuranti.

FINLEY “Ricordi”: forse tra i big perche, sommati, hanno la stessa età del Pippo nazionale

FRANKIE HI NRG “Rivoluzione”: è stato come rivedere Elio sul palco dell’Ariston: disarmate ma interessante

MAX GAZZÈ “Il Solito Sesso”: sei tonalità diverse in tre minuti e mezzo: bravo Max per questo mix di ricercatezza e orecchiabilità

GIANLUCA GRIGNANI “Cammina Nel Sole”: italiano, anzi italianissimo. Echi di blues che ci riportano alle origini

L’AURA “Basta!”: ovvero quella che ha duettato con Cristina Scabbia. Mancava solo Sanremo per completare la raccolta punti.

LITTLE TONY “Non finisce qui”: un titolo, una minaccia

PAOLO MENEGUZZI “Grande”: ci sono cose che non puoi spiegare… come il motivo di questa canzone.

MIETTA “Baciami adesso”: una voce ammaliante per una donna di grande carisma troppo spesso svalutata a casa di discutibili scelte artistiche

AMEDEO MINGHI “Cammina Cammina”: la versione incravattata di Lucio Dalla ai tempi d’oro

FABRIZIO MORO “Eppure Mi Hai Cambiato La Vita”: il vincitore del festival dell’anno scorso nella sezione giovani ci riprova con un prodotto orecchiabile ma di tutt’altro spessore socio-politico-emozionale

ANNA TATANGELO “Il Mio Amico”: la favorita. Testo interessante, argomenti non banali e la firma del compagno Gigi.

TIROMANCINO “Il Rubacuori”: dissonanza tra parole e musica

TRICARICO “Vita Tranquilla”: originale lui, la canzone e l’esibizione. Originale, non bello.

MARIO VENUTI “A Ferro E Fuoco”: divertente, effetto Mika.

MICHELE ZARRILLO “L’ultimo film insieme”: poetica.

Scroll To Top