Home > Recensioni > FEV: Nebbia Bassa
  • FEV: Nebbia Bassa

    FEV

    Data di uscita: 01-03-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Resistere!

FEV è l’acronimo di Falce E Vinello, per chi ancora non lo sapesse.
Il gruppo rock, alquanto conosciuto nel giro della musica indipendente italiana, arriva soltanto nel 2012 a presentare il primo album ufficiale, denso di cose da comunicare e di ospiti reverendi.

Parliamo infatti di Cisco, Gang, Banda Bassotti, Nabat, Modena City Ramblers, Daniele Biacchessi (che recita un estratto di “Il Paese Della Vergogna”) e Cristiano Santini, ex leader dei Disciplinatha nonché produttore del disco. Abbastanza nomi per costituire un nuovo esercito della resistenza, dedito al rispetto per ogni individuo e pronto alla lotta per i diritti che vengono calpestati dal sistema.

Dispiace che gli arrangiamenti non siano per nulla innovativi.

“Nebbia Bassa” non è un LP da poco, visti i temi che si è scelto di trattare; tuttavia, la modalità in cui è stata concepita la parte melodica del lavoro risulta un po’ irrisoria se si tiene conto della bravura dei musicisti che hanno partecipato al progetto. E sì, questo fa leggermente incazzare perché un album è anche arrangiamenti.

Pro

Contro

Scroll To Top