Home > Report Live > Finalmente a Milano!

Finalmente a Milano!

Promemoria: quando una band del calibro dei Children of Bodom decide di suonare in Italia in un’unica data, presentarsi sul posto con un’ora di anticipo non è sufficiente. Inoltre, fare molta attenzione: potrebbe capitare di inciampare contro il bassista degli Ensiferum che si intrattiene fuori con i fan.

Strano ma vero la serata inizia puntualissima, alle 19.00, con i Machinae Supremacy sul palco e la platea mezza vuota: non brillano ma riescono a compensare quello che gli manca a livello musicale con una certa simpatia.
A seguire, arrivano gli Ensiferum: oltre al fatto che c’è molta più gente, sono stati in grado di mettere su uno spettacolo con i fiocchi, scaldando il pubblico oltre ogni ragionevole aspettativa e mantenendo un’interazione con la platea a dir poco coinvolgente. Hanno suonato poco più di mezz’ora, ma la loro performance da sola valeva il costo del biglietto (o quasi).

Alle 21.00, puntuali come orologi svizzeri, fanno la loro comparsa gli headliner della serata. Allestimento del palco perfettamente in tema con l’artwork di “Relentless Reckless Forever”, il nuovo album, e setlist decisamente sullo stesso genere: suonano quasi tutti i nuovi brani, unitamente ad alcuni dei vecchi e intramontabili successi. In questo senso forse la scelta è stata un po’ troppo sbilanciata, non sarebbe dispiaciuto sentire qualcosa di più di quest’ultima categoria, ma di certo non ci lamentiamo: un’ora e mezza in compagnia dei Children Of Bodom, o meglio di Alexi Laiho e della sua presenza scenica visto il poco spicco degli altri membri del gruppo, è sempre una garanzia!

Not My Funeral

Bodom Beach Terror
Needled 24/7
Ugly
Roundtrip to Hell and Back
In Your Face

*

Living Dead Beat
Children Of Bodom
Hate Me!
Blooddrunk
Shovel Knockout
Angels Don’t Kill
Follow the Reaper
Downfall
Was It Worth It?
Hate Crew Deathroll

Scroll To Top