Home > Recensioni > Fine 99: Fine 99
  • Fine 99: Fine 99

    Fine 99

    Data di uscita: 01-01-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Punk targato Italia

Nascono come gruppo ska-punk nel 1996 e lentamente evolvono in una direzione più rock, violenta e complessa. Sono i Fine 99, giunti ora (finalmente!) al disco d’esordio su MM Records.

Parola breve + numero di due cifre uguali tra loro. Vi ricorda qualcosa? Se state pensando ai Linea 77 siete sulla buona strada: per certi versi i Fine 99 ricordano la band di Emo, Nitto e compagnia. Innanzitutto per la scelta di cantare in italiano, in secondo luogo per gli urlacci nu metal misti a melodie quasi pop, infine per certi riff spezzati e taglienti.

I Fine 99 non si esauriscono comunque in una citazione pedissequa dei Linea 77: dentro troverete anche il punk più classico, un po’ di hardcore quasi alla Husker Du, addirittura tastiere e synth come in “Quello Che Non Farai Mai”. Un impasto niente male, purtroppo rovinato parzialmente dalla scelta di cantare in italiano, che dona al tutto un vago sentore provincial-sempliciotto, mitigando l’impatto dei pezzi.

Siamo comunque di fronte a un buon lavoro, adatto ai fan dei generi citati nelle righe soprastanti. Niente di rivoluzionario, ma in fondo non ci dispiace pensare che la musica rock italiana sia (anche) i Fine 99.

Scroll To Top