Home > Recensioni > Fine99: Fino Alla Fine
  • Fine99: Fino Alla Fine

    Fine99

    Loudvision:
    Lettori:

Non hanno ancora finito

Fisti, Anto, Maurino, Diego, Mele e Festa sono i nomi di sei bresciani dalle influenze hardcore, i quali, tuttavia, non disdegnano nemmeno la musica elettronica ed il metal.

Nati nel 1996 come band ska-punk, i Fine99 – ormai con anni di esperienza alle spalle – si sono evoluti fino ad attaccarsi a testi cupi e tetri, dai quali filtra una sofferenza interiore che si sparge all’esterno e mostra i difetti dell’essere umano.

I tredici brani, in particolare, vengono interpretati con pathos dal sovrapporsi delle voci maschili, donando un senso di inquietudine arrestato dal solo battito della sezione ritmica.
Le sonorità industriali emergono in “2250.12.11″, mentre quelle più melodiche compongono “Strade Diverse”, in cui risalta tra tutti il pianoforte

“Tecnicismo, passione e creatività musicali, presenza scenica all’ennesima potenza”: questi sono i vocaboli con cui l’etichetta descrive il gruppo, e in effetti senza troppi fronzoli ci azzecca pure.
La scelta della lingua madre per arrivare dritti all’audience e la perizia tecnica nell’uso degli strumenti sono punti a favore dell’album, il quale si rivelerà una piacevole scoperta per i cultori del genere.

Pro

Contro

Scroll To Top