Home > Recensioni > Fire In The Head: Meditate/Mutilate
  • Fire In The Head: Meditate/Mutilate

    Fire In The Head

    Data di uscita: 25-06-2006

    Loudvision:
    Lettori:

Sta urlando il peggio di noi

“I went out to the hazel wood/Because a fire was in my head…” (William Butler Yeats)
L’anticamera di questa dimensione cerebrale, è un artwork ostile, freddo come l’acciaio, devastante come fiamme… Un colpo sta per esploderti (d)alle tempie: maneggiare con cautela. Mauro e la sua KDM m’avvertono graficamente: non è quello che ti aspetti. Non può esserlo… È molto peggio.
Infatti. Fire In The Head, ovvero Michael Page, ovvero agonia elettronica disturbata ed alienata, frequenze di silenzio ritratte da onde dark ambient, death industrial e noise. “Meditate/Mutilate”, ovvero cacofonia acida e perversa, ovvero la rumoristica dell’assenza di consapevolezza d’un sé concreto, perdutosi nell’osservazione ossessiva dell’esterno muto, nell’ascolto ipnotizzante delle voci dell’interno. F/I/T/H, ovvero sperimentazione musicale dimentica di schemi e circolarità strutturali, ovvero avangardistico intento di rendere afona la realtà circostante, concentrandosi invece sull’assordante, incessante brusio ch’erroneamente crediamo taccia… Gl’ingranaggi del pensiero, catena di montaggio a ciclo continuo alimentata da psicotiche emozioni che stridono, urlano, sussurrano. Eternamente.

Scroll To Top