Home > Recensioni > First Signal : First Signal
  • First Signal : First Signal

    First Signal

    Data di uscita: 27-08-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Il mestiere dei migliori

Ascolta Harry Hess e scopri il significato della parola classe con la c maiuscola.

È infatti il cantante degli Harem Scarem il principale elemento di questi nuovi First Signal, band di hard rock dalle forti venature adult oriented. Le undici tracce dell’omonimo debutto contengono tutto quel sound imperniato su inesauribili melodie chitarristiche e ritornelli e testi un po’ sentimentali e malinconici.

In un genere che ha ben poco da inventare, Hess mette sul tavolo una carica rock che risparmia alle ballate l’onere di salire in cattedra per prime nella memoria dell’ascoltatore, qualche attacco energico e una serie di ottimi assoli d’ordinanza.

“First Signal” potrebbe essere un caso di disco melodic-rock da portare ad esempio del (sotto) genere. Nessuna sbavatura quindi, tanta coerenza interna, sentimento quanto basta, chitarre preziose e cantato caldo e avvolgente. Certo di dischi così, da scuola, ne sono già usciti tanti negli ultimi vent’anni, ma l’ultimo di Harry va perlomeno ad aggiungersi alla lista.

Pro

Contro

Scroll To Top