Home > Recensioni > Flame Parade: Cosmic Gathering
  • Flame Parade: Cosmic Gathering

    Materiali Sonori / none

    Data di uscita: 14-02-2020

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Ritornano i Flame Parade, la band originaria di Arezzo, a tre anni di distanza dal loro debutto segnato da A New Home. Anticipato a novembre dall’omonimo singolo, Cosmic Gathering si presenta come il nuovo progetto, pubblicato il 14 febbraio 2020 per l’etichetta toscana indipendente Materiali Sonori. I Flame Parade sono una formazione musicale di stampo prevalentemente indie e sono: Marco Zampoli (voce, chitarra) Mattia Calosci (basso- chitarra) Letizia Bonchi (voce, violino, synth) Niccolo’ Failli (batteria, percussioni) e Francesco Agozzino (chitarra). Cosmic Gathering riprende per certi versi le sonorità di A New Home e del primo EP Berlin. Le 10 tracce che lo compongono sono cantate in inglese sulle note del rock sperimentale, del folk e dell’indie d’oltreoceano. L’album s’apre con “Thunder Clap”, dal ritmo incalzante e di facile ascolto, un intro che riesce a dare subito un’idea delle intenzioni artistiche della band. La seconda traccia, intitolata “Electric girl”, smaschera sin da subito un richiamo: “I’m a bad man / everybody knows me…”, le cui note e il modo di cantare suonano identiche a “Baby” del venezuelano Devendra Banhart. “Kangaroo” è decisamente la traccia più delicata dell’album, interamente cantata dell’unico componente femminile, la sopracitata Letizia, accompagnata dal proprio violino. Questi ragazzi amano la musica americana e inglese; a tratti si potrebbe scambiare la voce di Marco Zampoli con quella di Paolo Nutini e non sorprenderebbe se tra le loro ispirazioni ci fossero band come gli Arcade Fire, i Lumineers, i Foals, Glen Hansard e i Fleet Foxes. Il risultato è un prodotto italiano sicuramente distintivo, fresco e contemporaneo che ammicca alla produzione elitaria americana.

Pro

Contro

Scroll To Top