Home > Recensioni > Float a Flow: From Another Future
  • Float a Flow: From Another Future

    Autoprodotto / Soulmatical

    Data di uscita: 23-06-2017

    Loudvision:
    Lettori:

È uscito il 23 giugno il disco d’esordio dei Float a Flow, collettivo hip hop pugliese formatosi a Bologna. Quando si prepara un cocktail bisogna sempre stare attenti a bilanciare bene gli ingredienti. Un dosaggio sbagliato di Triple Sec o di Gin  può difatti comprometterne la sua riuscita. La band ha semplicemente sbagliato dosaggio, rendendo il loro drink un po’ annacquato.

Ascoltando “From Another Future” sembra proprio di tornare alla fine degli anni novanta, quando il rap bolognese di Inoki e Joe Cassano iniziava a girare per l’Italia, accanto alle dance hall e al rap sociale e di protesta rappresentato dalle Posse (Villa Ada, Collettivo 99) e da gruppi come i Sud Sound System. Nonostante l’idea di riprendere le radici sonore dell’ hip hop italiano ( a volte cantato in dialetto salentino), con inserti soul, funk, e raggamuffin sia molto interessante, il lavoro dei Float A Flow risuona un po’ troppo anacronistico, sia nelle basi curate da GSQ, sia nelle metriche in puro stile 90′s non sempre efficaci di Karlino, Neos, D.one. Tutti i generi proposti, seppur interpretati bene e con profondo rispetto, risultano abbastanza piatti e poco incisivi, annacquando quindi il cocktail che, fuori da ogni dubbio, verrà corretto al prossimo giro.

Tracklist

01. From Another Future
02. Lifeboat
03. C’est la vie
04. Ultima scena
05. Volo via feat. Risy-O
06. Comu Stau
07. Orbite
08. The Road
09. Bijoux
10. Lei (Interlude)
11. Nuova idea feat. Miss Mykela e Skema
12. Travellin feat. Vincenzo Destradis
13. Faust
14.Chiazza
15. About a journey feat. Sofia Brunetta

 

di Fabrizio Testa

Pro

Contro

Scroll To Top