Home > Recensioni > Folk Stone: Folk Stone
  • Folk Stone: Folk Stone

    Folk Stone

    Data di uscita: 24-04-2008

    Loudvision:
    Lettori:

I guerrieri sono tornati

È nostra Madre Terra a dare i natali ai bergamaschi Folk Stone ed è a lei che, come figli prediletti e fieri guerrieri, rendono grazie strofa dopo strofa, brano dopo brano.
A pochi mesi dalla pubblicazione del suo EP, la band orobica dà alle stampe il primo omonimo full length che riprende e amplia quanto poc’anzi prodotto.

Cornamuse a feste e fiumi di birra e passione inondano le dodici tracce che compongono questo album di puro e verace folk metal. Il solco tracciato dai ben noti confratelli teutonici viene rivisitato e riproposto in chiave nostrana, da cui il cantato completamente in italiano, prediligendo l’attitudine più sanguigna e spontanea del genere. L’intro e l’outro racchiudono brani corposi e carismatici, uniti tra loro dalle onnipresenti cornamuse, a tesserne le linee melodiche portanti, e da un rifferama di chitarre heavy e batteria galoppante.Ai brani originali si aggiungono due pregievoli omaggi: la ballata “Avanti”, canto tradizionale del quindicesimo secolo e “Igni Gena”, tributo ai teuronici Schelmish.

In questa coreografia di suoni e magia si dispiega un lavoro divertente e smaliziato che trova i soli punti deboli in una produzione non sempre ineccepibile e in qualche momento di eccessiva forzatura vocale. Se “Folk Stone” può essere un allegro sottofondo da birreria, uno spettacolo dal vivo dei Folk Stone potrebbe tramutarsi in una travolgente festa di paese.

Scroll To Top