Home > Recensioni > Foo Fighters: Concrete and Gold
  • Foo Fighters: Concrete and Gold

    RCA Records / Sony Music

    Data di uscita: 15-09-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Il rock non è morto”, e ancora una volta i portavoce di questo importante messaggio rivolto al mondo intero sono loro: i Foo Fighters. A quasi 3 anni di distanza dal proficuo “Sonic Highways” (2014), Dave Grohl e soci sono tornati con un nuovo incredibile disco, “Concrete and Gold”, pubblicato il 15 settembre 2017 dalla Roswell e dalla RCA Records. Questo nono lavoro in studio, composto da ben 11 tracce, si presenta essenzialmente come la sintesi di tutto ciò che piace fare a dei semplici musicisti, ovvero “bella musica” dove è possibile metterci tutto, dal pop più classico al rock duro. Inoltre, anche in questa occasione i Foos non si sono risparmiati in quanto a sperimentazione, testimoniato dalla presenza di Paul McCartney alla batteria nel brano “Sunday Rain”, di Justin Timberlake in “Make It Right” e, soprattutto, dalla produzione questa volta affidata a Greg Kurstin (particolarmente noto per alcune collaborazioni con artisti pop del calibro di Pink, Adele e Sia).

“Concrete and Gold” è un album divertente e da ascoltare a più riprese, gustando ogni volta le peculiarità di ogni traccia, se si pensa ad esempio alle sonorità tipiche dello stoner di “La Dee Da”, allo spirito propriamente heavy del singolo apripista “Run”, il folk di “Happy Ever After (Zero Hour)” o all’eclettismo delle varie “Make It Right” e “Dirty Waters”. Sostanzialmente, i Foo Fighters del buon Dave Grohl confermano con questo lavoro (e non solo) di essere una band contemporanea ed estremamente universale, dedita con entusiasmo al proprio mestiere e a un genere che (ahimé!) rischia di perdere molta della sua essenza a fronte di un ricambio generazionale povero di pretese verso la musica stessa e i suoi presunti portavoce.

 

Pro

Contro

Scroll To Top