Home > Recensioni > Foster the People: Supermodel
  • Foster the People: Supermodel

    Sony Music / none

    Data di uscita: 18-03-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Dopo il fortunato disco d’esordio “Torches” del 2011, trainato dal bellissimo brano “Pumped Up Kicks”, tornano i Foster the People e sono in grande forma. Il trio californiano pubblica il nuovo LP intitolato“Supermodel”, che vede la partecipazione del super producer Paul Epworth. Mark Foster, leader e factotum della band, insieme agli altri due ragazzi, registrano il disco vagabondando tra Essaouira, Londra e la California. Il risultato è un disco in cui le chitarre elettriche s’intrecciano con i synt e Mark è capace d’incantare con le splendide variazioni della sua voce. Un disco indie, capace di strizzare l’occhio all’elettronica più pop e che evidenzia il processo di maturazione intrapreso dalla band, sia nelle sonorità, che nei testi.

Un disco che nasce e risente delle suggestioni legate alla vita da tour. Si parte dal ritmo solare e quasi tribale di “Are You What You Want To Be?”, per chiudere con la ballata acustica “Fire Escape”. Sembra quasi di vederlo Mark, con la chitarra sulle spalle, lungo la via che riporta a casa. In mezzo ci sono tante avventure: dalle liriche di “The Angelic Welcome of Mr. Jones”, alle tastiere psichedeliche di “Psedudologia Fantastica”. Quando Mark canta “There is a truth, there is a light if you’d follow me there“, non ci resta che seguirlo nel suo mondo.

Pro

Contro

Scroll To Top