Home > Interviste > Francesco Motta, a Milano per presentare il nuovo disco “Vivere o morire” – Conferenza stampa

Francesco Motta, a Milano per presentare il nuovo disco “Vivere o morire” – Conferenza stampa

La stampa milanese ha incontrato Francesco Motta ieri 4 aprile. L’incontro si tiene in un accogliente appartamento di via Vignola con un mix di colori dominanti come il verde scuro delle pareti, il solito nero dei vestiti di Francesco e il rosso della copertina del suo nuovo disco, Vivere o morire, in uscita il 6 aprile presso Sugar.

È proprio l’uscita del nuovo album del cantautore livornese il motivo del meeting. “Sono nove tracce molto sofferte – racconta Motta – ora che l’album è completo mi sento più sereno, sollevato, il processo creativo è sempre una sofferenza per me: bisogna cercare gli errori, analizzarli e decidere se tenerli o trasformarli. Vivere o morire già dal titolo indica un bivio, una necessità di scegliere. È già chiaro dall’inizio da quale parte mi schiero. Mi sono guardato dentro e ho visto la mia vita come una serie di scelte binarie: esserci o non esserci, restare o andare, vivere o morire”.

“Durante le registrazioni ho collaborato con tanti musicisti – continua Motta -  siamo diventati una specie di band, ma rispetto al passato (con Criminal Jokers), suoniamo una musica di diverso tipo. Mi sento cresciuto, più maturo e mi sento meglio così. Adesso sono molto più tranquilo rispetto a ‘La Fine dei Vent’anni’”.

Parliamo anche del futuro tour: “Sarà diverso dell’altra volta anche perché c’è molto più repertorio, avrò due dischi da suonare, così possiamo fare meno date ma con una scaletta più corposa.

Sulla collaborazione con Taketo Gohara (producer milanese di origini giapponesi con il quale Motta ha registrato il disco tra Milano, Roma e New York): “È stata una bella esperienza, siamo molto diversi, Taketo è sempre entusiasta quando registra i brani, io sono tutto l’opposto.

E quella con Pacifico (cantautore milanese, co-autore della maggior parte dei testi sull’album): “Mi ha fatto da psicoanalista, mi ha aiutato a tirare fuori la verità: mi sono accorto che è un album che parla d’amore”.

I prossimi appuntamenti con il cantautore toscano saranno l’instore tour che parte il 6 aprile da Milano per poi concludersi il 12 aprile a Torino e conseguentemente l’anteprima del tour sotto la forma di quattro concerti-eventi: 26 maggio all’Atlantico di Roma, 28 maggio all’Estragon di Bologna, 29 maggio all’Obihall di Firenze ed il 31 maggio all’Alcatraz di Milano.

 

 

Scroll To Top