Home > Recensioni > Francesco Motta: Vivere o morire
  • Francesco Motta: Vivere o morire

    Sugar / none

    Data di uscita: 06-04-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Esce domani, il 6 aprile su etichetta Sugar, Vivere o morire, il secondo disco di Motta. A due anni dal debutto premiato con Targa Tenco per Miglior opera prima il cantautore toscano torna cresciuto e più sereno ma non molto cambiato con 9 tracce nuove. A quanto pare non è poi così male superare quei famosi trent’anni.
Motta riprende proprio dove ha interrotto con La fine dei vent’anni, sempre mescolando tra loro cantautorato italiano, rock ed elettronica. La collaborazione dell’artista con il producer ed ingegnere del suono Taketo Gohara ha regalato al disco un suono più stratificato, più pieno. La voce rimane in primo piano, ma la varietà di strumenti suonati dalla band e dall’artista stesso (cosa è che non c’è qua – chitarre, tastiere, synth, percussioni varie, theremin, archi…) è impressionante.
Esattamente come il debutto, Vivere o morire si basa sulla ripetizione, sia nei testi che nei accordi, una specie di loop, evidente già nella traccia di apertura. Una strategia ben pensata e riuscita, una specie di mantra che aggiunge un altro elemento di spiritualità ai brani.
Con questo nuovo lavoro Motta esprime chiaramente da che parte di quel bivio vuole stare. I nove brani sono canzoni sincere che arrivano dal dolore, dalla tristezza ma sono piene di speranza, di luce e soprattutto caratterizzate da testi di un certo spessore (grazie a Motta ed il co-autore di 6 su 9 testi, Pacifico), senza forzature. Non è facile diventare un cantautore adulto con il secondo album, ma sembra proprio che il cantautore livornese ci è riuscito.

Tracklist:
1.    Ed è quasi come essere felice
2.    Quello che siamo diventati
3.    Vivere o morire
4.    La nostra ultima canzone
5.    Chissà dove sarai
6.    Per amore e basta
7.    La prima volta
8.    E poi ci pensi un po’
9.    Mi parli di te

Pro

Contro

Scroll To Top