Home > Zoom > Francess: A bit of italiano raccontato brano per brano

Francess: A bit of italiano raccontato brano per brano

Francess ne ha di storia da raccontare. Cantante che racchiude in sè un crocevia di nazioni e di linguaggi, di esperienze e soprattutto di tantissima musica. Tra le tantissime cose la ricordiamo anche accanto a Zucchero come corista ma oggi parliamo di questo suo nuovo disco dal titolo “A bit of italiano” in cui troviamo 10 canzoni storiche della nostra tradizione riviste, corrette e volute in lingua inglese. E quindi “Vacanze Romane”, “Attenti al lupo”, “Guarda che luna” e così via fino ad impattare con “Good Fella” unico inedito di tutta questa grandissima storia. Curioso e interessante trovare un altro punto di vista con cui cantare grandi canzoni della nostra bella Italia. Interessante anche la nuova forma e gli arrangiamenti che strizzano forte l’occhio ad un futuro digitale.

Francess, “A bit of italiano” brano per brano

Guarda che luna

È un celebre brano portato al successo da Fred Buscaglione. Nel 1959 è stato tradotto in inglese con il titolo “Don’t want the moonlight”. La canzone parla di un amore finito e del senso di solitudine che ne consegue. La luna, simbolo di malinconia e romanticismo, fa da cornice al sentimento raccontato in questa perla della musica italiana. Il nostro arrangiamento moderno e la nuova interpretazione del pezzo sono gli ingredienti di una canzone che abbiamo immediatamente riconosciuto come il singolo del disco. Storia e tradizione sono una risorsa da cui imparare e attingere per creare qualcosa di nuovo. Il disco contiene anche una versione acustica del brano.

Vacanze Romane

Una delle canzoni più amate e conosciute dei Matia Bazar, riporta ai tempi della dolce vita raccontandone i luoghi e le atmosfere. L’uso dell’inglese mi ha permesso di esplorare e vivere questo brano in modo personale.

Attenti al lupo

È una canzone scritta da Ron e cantata da Lucio Dalla. La ritmica è l’elemento chiave di questa nuova versione che mette in risalto lo spirito e la leggerezza del brano originale.

Il cielo in una stanza

Capolavoro della canzone d’autore italiana, è un brano composto dal cantautore Gino Paoli. Il desiderio è quello di trasmettere con questa nuova versione, la poesia e l’atmosfera di questo brano intimo e intenso.

Good fella

È l’unico inedito del disco. Con questo brano volevo rappresentare il miscuglio culturale che esiste dentro di me con tutti i suoi contrasti. Il testo si è quindi sviluppato in modo che inglese e italiano coesistessero in una canzone sola raccontando la difficoltà nel trovare una lingua che soddisfi tutte le mie esigenze comunicative.

Quello che le donne non dicono

Racconta il complesso mondo femminile. L’arrangiamento moderno e la traduzione in inglese hanno permesso la creazione di una nuova versione nata dalla volontà di rendere omaggio al celebre brano dedicato alle donne.

Passione

È un bellissimo brano scritto da Neffa come tema principale del film Saturno Contro. L’amore per il pezzo e per l’autore ha determinato la scelta di inserire questa canzone nel disco.

Vengo anch’io. No, tu no

È una canzone scritta da Enzo Jannacci insieme a Dario Fo e Fiorenzo Fiorentini. Umorismo e un po’ di teatro sono elementi che ancora mancavano al disco. Questo brano ci ha permesso di sperimentare e aggiungere nuovi colori al lavoro fatto fino a questo momento anche per quanto riguarda le esibizioni dal vivo.

Ma se ghe penso

È una storica canzone in dialetto genovese scritta nel 1925 e diventata col tempo simbolo della cultura musicale ligure. Il lavoro su questo brano è iniziato quasi per scherzo e con qualche timore perché mettere mano a un brano sacro di questo calibro è sempre un rischio. Il successo riscontrato però ci ha convinti a esplorare e seguire la strada della traduzione dando il via a questo interessante percorso.

Scroll To Top