Home > Recensioni > Freedom Call: Legend of the Shadowking
  • Freedom Call: Legend of the Shadowking

    Freedom Call

    Loudvision:
    Lettori:

ll power chiama

Prosegue il sodalizio tra Dan Zimmermann e Chris Bay, uno dei più interessanti prodotti power metal del 2010 è già nei negozi. Il nuovo disco dei bavaresi, come di consueto ispirato prevalentemente a tematiche fantasy, si presenta già ai primi ascolti come una sequela di canzoni pompate, ariose, ispirate e easy-listening. Una semplicità tuttavia relativa, che si manifesta in brani interessanti per la loro intera durata e in grado di amalgamare gli elementi della musica in maniera pressoché perfetta. “Legend Of The Shadowking” viaggia per intero su azzecatissime melodie catchy e su una voce al top. Anche quando la velocità scala le marce verso il basso, la personalità della band si erge tra le note a depositare il proprio marchio, ormai maturo e consolidato.

Al sesto lavoro in studio è dunque ufficiale: i Freedom Call non sono una band clone-ruota di scorta rispetto alle poche realtà di rilievo del power europeo. Il nuovo disco si ascolta con piacere dall’inizio alla fine perché coniuga in maniera esemplare potenza e melodia senza scadere nella banalità e nelle ripetizioni cui questo genere, nonché gli stessi Freedom Call, ci hanno spesso abituato. È fresco, vivace e salterino. E tanto basta per fare un buon disco power.

Pro

Contro

Scroll To Top