Home > Recensioni > Frigidaire Tango: L’Illusione Del Volo
  • Frigidaire Tango: L’Illusione Del Volo

    Frigidaire Tango

    Data di uscita: 18-09-2009

    Loudvision:
    Lettori:

A volte ritornano

Un’assenza che è durata quasi un quarto di secolo, l’ultima apparizione dei Frigidaire Tango risale infatti al 26 luglio 1986. Gli aficionados non si sono però dimenticati della band, vero e proprio punto di riferimento per la scena wave italiana, e gioiscono per questo ritorno. “L’illusione Del Volo” è il titolo del loro nuovo album: 14 tracce che spaziano tra il rock e la musica melodica, in una miscela ben riuscita e mai banale.

La produzione è stata affidata a Giorgio Canali e accanto alla formazione originale dei Frigidaire Tango spiccano molti ospiti illustri tra cui Federico Fiumani (Diaframma), Fabio Trentini (Guano Apes), Aldo Tagliapietra (Le Orme) e Diego Galeri (Timoria).

Il sestetto veneto non solo ripropone la vecchia ricetta musicale anni ’80, rintracciabile ad esempio in “Mescola Le Razze”, “Natural Mente” e “Paura Del Tempo”, ma ci porta alla scoperta di un lato più intimista e cantautoriale, si ascoltino “Normalmente Triste”, “Soffia” e “L’Acqua Pensa”.
Un gradito ritorno, per nostalgici e non.

Non ci è dato sapere il perché di questa lunga assenza. Ma forse non sono neanche fatti nostri. E dovremmo limitarci ad apprezzare questa réunion, sicuramente di pregio. I Frigidaire Tango non hanno perso lo smalto, “L’Illusione Del Volo” scivola via piacevolmente e si ha la sensazione che ogni brano racconti una storia ricca di significati, esperienze e valenze molteplici.

Pro

Contro

Scroll To Top