Home > In Evidenza > Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle
  • Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle

    Diretto da Chris Buck, Jennifer Lee

    Data di uscita: 27-11-2019

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:
    5 (100%) 3 vote[s]

Correlati

Il miliardo di dollari incassato nel mondo da “Frozen – Il Regno di ghiaccio” (2013), ha dato al film l’onore e l’onere di un trattamento relativamente nuovo per i lungometraggi realizzati dai Walt Disney Animation Studios: un sequel destinato alle sale cinematografiche dopo pochi anni dall’uscita del primo capitolo.

Da Biancaneve a oggi, gli unici Classici Disney ad aver avuto un secondo capitolo sul grande schermo sono stati “Fantasia”, “Le avventure di Bianca e Bernie” e “Le avventure di Winnie the Pooh”, ai quali si è aggiunto di recente “Ralph Spacca Internet“. È vero, anche durante la Disney Renaissance degli anni 90 non sono mancati i vari “Il ritorno di Jafar” e “Il regno di Simba”, ma erano seguiti destinati esclusivamente all’home video, e di qualità tecnico-artistica dichiaratamente inferiore agli originali.

Frozen 2 – Il segreto di Arendelle“, invece, invade le sale (in Italia saranno più di 800 a partire da oggi e sicuramente fino a Natale e oltre) con ambizioni ben diverse: alla regia tornano Chris Buck e Jennifer Lee, che nel frattempo ha assunto la direzione creativa dei Walt Disney Animation Studios, e alla colonna sonora ritroviamo Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez, a cui dobbiamo il gigantesco tormentone “Let It Go”, premiato con l’Oscar e l’amore ossessivo di milioni di bambini.

La portata di “Frozen” come fenomeno culturale va però oltre quella del film per bambini, e anche l’utopica, e un po’ maldestra, campagna social #GiveElsaAGirlfriend è un segno importante di come la caratterizzazione del personaggio di Elsa e il suo coming out glaciale sintetizzato appunto da “Let It Go” abbiano saputo emozionare anche gli spettatori più grandi. Elsa è diventata un’icona (cfr. l’articolo che dedicammo al corto “Frozen Fever”), con un valore, anche economico, che ormai quasi prescinde dal film stesso.

E dunque, “Frozen 2“. Alla conferenza stampa che ha accompagnato l’anteprima romana del film, il regista Chris Buck lo ha descritto come «il secondo atto di un musical di Broadway: il primo “Frozen” aveva presentato i personaggi, il secondo ci ha dato la possibilità di esplorare più a fondo il loro mondo». Che la Disney si stia riappropriando con orgoglio della propria tradizione musical applicata a un’immaginario fiabesco (“Frozen” nasce dalla “Regina delle Nevi” di Hans Christian Andersen, non dimentichiamolo) è un bene, ma la frase di Buck chiama una riflessione d’altro tipo: se realizzi un film, che al momento della lavorazione non prevede sequel, e questo film secondo te funziona solo come un «primo atto», c’è qualcosa che non va.

Un film dovrebbe essere un’opera compiuta, un racconto per immagini che va – non necessariamente in modo lineare, certo – da A a B, e che consapevolmente sceglie di mettere in scena una cosa e non un’altra. Il cinema è montaggio, è giustapposizione di immagini che si danno senso a vicenda (tanto più nell’animazione), ed è quindi anche esclusione: ciò che in un film non si vede è significativo tanto quanto ciò che si vede, e contribuisce a delineare i personaggi con le loro zone d’ombra e i loro non-detti. Altrimenti, tutto diventa espansibile all’infinito (perché non girare un prequel di “Biancaneve” sull’infanzia di Brontolo?), senza un criterio e senza una motivazione che non sia mettere nelle casse un altro miliardo di dollari.

Insomma, che bisogno c’è di andare a frugare nel passato di Elsa, e nelle origini dei suoi poteri magici (il “segreto di Arendelle” del sottotitolo italiano), se queste informazioni non aggiungono nulla al carisma del personaggio né danno forma a una nuova avventura appassionante? “Frozen 2” possiede protagonisti forti (ma nuovi personaggi secondari tutti dimenticabili), temi interessanti (il rapporto di Elsa con le creature non-umane, ad esempio, che resta solo accennato) ma non una storia che ci faccia sentire la bruciante necessità di arrivare alla fine del film.

Gli spettatori under 10 si divertono parecchio con i siparietti comici del pupazzo di neve Olaf, mentre i maggiorenni appassionati d’animazione devono accontentarsi di un fotorealismo applicato agli elementi naturali che suscita molta ammirazione ma poca empatia, e di singole sequenze forti, come la lotta muta di Elsa col cavallo d’acqua.

La grande attenzione rivolta agli aspetti estetici, in particolare gli abiti di Elsa e Anna, si arena al livello del character design: il lavoro della production designer Lisa Keene e della visual development artist Brittney Lee è dettagliato, creativo, una vera gioia per gli occhi, ma non viene valorizzato da un racconto organico: ogni sequenza di “Frozen 2” è farraginosa, slegata dalle altre, semplicemente – e tristemente – poco ispirata.

La situazione non migliora sul versante musicale: i pezzi più convincenti (“Into the Unkwown”/”Nell’ignoto” e “Show Yourself”/”Mostrati”) si affannano a replicare l’effetto “Let It Go”, quelli più deboli (“Lost in the Woods”/”Perso quaggiù”, la canzone di Kristoff) sono quasi dei videoclip degni dei Beehive, band che gli spettatori maggiorenni di cui sopra ricorderanno senz’altro.

Evitiamo un “Frozen 3”, pietà.

Pro

Contro

Scroll To Top