Home > Recensioni > Fucked Up: David Comes To Life
  • Fucked Up: David Comes To Life

    Fucked Up

    Loudvision:
    Lettori:

Teatro a squarciagola

Non contenti di aver vinto il Polaris Music Prize nel 2009, i canadesi Fucked Up tornano sulla scena hardcore punk per rompere i timpani dei fan (e si spera non soltanto).
Il nuovo lavoro è composto da quattro atti così suddivisi: l’amore tragico, David perde l’amata Veronica, il punto interrogativo sulla morte di quest’ultima, Vivian e Octavio illuminano il mistero.

Il continuo alternarsi tra la voce raschiata di Damian Abraham e quella mielosa di Sandy Miranda cuce una trama peculiare al di sotto della quale si muovono imperterrite le percussioni e i riff energici di chitarra.

Diciotto canzoni per narrare la vicenda di un personaggio umano in cui chiunque potrebbe rispecchiarsi, poiché fatto di dubbi, debolezze e questioni tipicamente insite nei nostri geni.

Ascoltare di fila tutto il disco significa ritrovarsi in un blocco narrativo in perpetua evoluzione, che magari risulta insopportabile a chi non apprezza il genere, ma coerentemente costruito secondo i padiglioni auricolari degli aficionados.
La tecnica c’è; un po’ più d’originalità di certo non guasterebbe.

Pro

Contro

Scroll To Top