Home > Recensioni > Fury ‘N’ Grace: Tales Of The Grotesque And The Arabesque
  • Fury ‘N’ Grace: Tales Of The Grotesque And The Arabesque

    Fury ‘N’ Grace

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Giunti alla meta… con furia!

Un titolo che rende omaggio alla celebre raccolta di racconti del geniale Edgar Allan Poe.
Una copertina popolata da manichini nudi e senza testa.
Un inizio caratterizzato da riff di chitarra potenti e infernali.
Questi sono i Fury’n’Grace.
Questo il loro nuovo e primo album “Tales of Grotesque and Arabesque”.
Dopo aver scritto e inciso due dischi, mai pubblicati, i nostrani Fury’n’Grace giungono finalmente alla meta proponendo un lavoro complesso, studiato nei minimi dettagli e delineato con matura sicurezza e competenza, acquisite nel corso di dodici lunghi anni di pratica.
I testi delle canzoni non sono di facile comprensione, almeno ad un primo ascolto appaiono ermetici e criptici. Ciò che emerge piuttosto distintamente è una denuncia del malessere quotidiano che l’essere umano vive prima di concludere il suo grottesco viaggio per tornare ad essere niente più che materiale inorganico.
Otto tracce intense, sia dal punto di vista musicale che semantico, otto tracce che mescolano sapientemente elementi di classic, death, thrash e progressive metal proponendo melodie trascinanti e oniriche, ritmi incalzanti e una voce, quella di Gabriele Grilli, vigorosa e maestosa.
Insomma, il genere può piacere o meno, i testi possono coinvolgere o lasciare totalmente indifferenti e spaesati, di sicuro però non sono contestabili la tecnica, la padronanza dei mezzi, voce compresa, che i Fury’n’Grace dimostrano di avere acquisito e potenziato col tempo.

Scroll To Top