Home > Recensioni > GBH: Perfume And Piss
  • GBH: Perfume And Piss

    GBH

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Ritorno alle origini

Più di trent’anni di carriera eppure i G.B.H. continuano a pestare come degli ossessi, se non più di prima. Una delle più importanti band del panorama punk hardcore inglese sforna quest’anno per la Hellcat Records, casa discografica di proprietà di Tim Armstrong, il nuovo capitolo di una lunga carriera. Chi si aspettava un disco più introspettivo e maturo ne resterà deluso, perché “Perfume and Piss” è un incredibile concentrato di energia e di rabbia adolescenziale in perfetto stampo Eighities. Gli ingredienti ci sono tutti: urla scanzonate, chitarre al fulmicotone e drumming martellante. This is their punk rock.

Oggettivamente va detto che è un bel disco, prodotto piuttosto bene e che funziona. Gli amanti dell’headbanging potranno scatenarsi senza vergogna, ed i nostalgici del punk non si ritroveranno tra le mani un prodotto deludente.
Altrettanto oggettivamente va però detto che il disco, in se, non dice davvero niente di nuovo. Tutto sommato è questa la finalità dell’album, un ritorno ai tempi che furono senza troppi fronzoli. Godibilissimo.

Pro

Contro

Scroll To Top