Home > Interviste > Gemelli nella vita, gemelli sul set della magia

Gemelli nella vita, gemelli sul set della magia

Anche a guardarli bene, è difficile riconoscerli. James e Oliver Phelps. Soltanto 13 minuti e qualche particolare – un neo sul braccio sinistro e una cicatrice sulla guancia destra – differenziano i due gemelli inglesi che, nella serie di “Harry Potter” e quindi anche nel “Principe Mezzosangue”, interpretano i gemelli Fred e George Weasley, esperti in scherzi magici e sicuramente tra i personaggi più amati dai fan di tutto il mondo. Li abbiamo incontrati a Milano in occasione dell’uscita nelle sale italiane del nuovo episodio cinematografico.

Nel nuovo film aprite addirittura un negozio tutto vostro, è stato divertente?
James: Sì, quello della nostra bottega è il set che preferisco tra tutti quelli del film. E non lo dico perché di parte: gli scenografi si sono davvero divertiti nell’allestirlo. C’è una grande scalinata e su ogni gradino c’è una grossa scatola che contiene numerosissimi oggetti. È un edificio di tre piani, molto curato e pieno di particolari e dettagli. Certo, sarebbe bello poterlo avere anche nella vita reale!

Ogni capitolo della serie è sempre più dark. Com’è stato recepito questo sul set?
Oliver: Noi abbiamo visionato il film solo la settimana scorsa e le differenti atmosfere risultano, alla fine, molto ben mescolate. È evidente che l’ambientazione di questo film riflette un momento molto delicato nel mondo dei maghi, ma è anche vero che ci sono, per equilibrare la situazione, momenti più comici e romantici.

James: Va detto che il direttore della fotografia, Bruno Delbonnel, è stato molto abile nell’illuminare le scene. Mentre noi giravamo, infatti, non ci rendevamo conto di questa tonalità così cupa!

Siete molto cresciuti durante questi anni. Com’è cambiato nel tempo il vostro modo di rapportarvi con i personaggi che interpretate?
Oliver: Ormai ci siamo abituati, in realtà, a interpretarli sempre, anche quando non siamo sul set. Sono due personaggi estremamente allegri, felici, pronti alla battuta e che si godono la vita. Sono solo due o tre le scene in cui appaiono più turbati e cupi, ma non abbiamo comunque avuto nessuna difficoltà ad affrontarle.

Com’è stato interpretare i gemelli Weasley diretti da quattro registi diversi?
James: In realtà non è stato un problema. Anzi, da ognuno abbiamo imparato cose diverse. In particolare, quest’ultimo regista, David Yates, ci ha coinvolto di più nei personaggi, ci ha insegnato ad esplorarli con maggiore profondità.

Oliver: Ognuno di loro ha usato il proprio stile. Nel “Prigioniero Di Azkaban”, per esempio, Alfonso Cuaròn ci aveva fatto dipingere la faccia durante le scommesse sui compiti da svolgere, ed è sempre stato lui che ci ha insegnato ad interromperci mentre parlavamo e a completare, uno la frase dell’altro – cifra stilistica che è proseguita negli episodi successivi.

Qual è la magia che vi piacerebbe poter compiere nella vita reale?
James: Volare, che è anche un elemento principale del gioco del Quidditch.

Oliver: Sicuramente congelare il tempo, per combattere in qualche modo la sfuggevolezza dell’esistenza.

Chi è la ragazza più carina sul set? Siete d’accordo sulla scelta?
Oliver: Sul set c’è sempre qualche ragazza molto carina. Ne ricordo una, in particolare, durante la lavorazione del “Calice Di Fuoco”. Però abbiamo imparato ad essere politicamente corretti e a non rispondere a questa domanda (ride, ndr.).

Cosa avete provato quando avete letto l’ultimo libro di Harry Potter?
Oliver: È stata un’emozione piuttosto insolita perché sai che quella è proprio la fine con una f maiuscola. È incredibile, piuttosto, come i fan abbiano vissuto tutto questo. Ricordo che all’anteprima londinese del quinto film della serie, un gruppo di fan ha urlato cosa sarebbe avvenuto nell’ultimo libro. E questo tre settimane prima che venisse pubblicato. Insomma, ci sono persone che, attraverso calcoli, sono riuscite a dedurre come la trama si sarebbe conclusa.

Quando tornerete sul set per l’ultimo film? Sarete molto coinvolti?
James: Siamo stati ingaggiati per nove mesi, ma non sappiamo esattamente quante scene avremo. Ciò che è certo è che cominceremo a girare nella seconda metà di luglio. I nostri capelli, quindi, ritorneranno presto rossi, e già nei prossimi giorni avremo le prime prove costume. Insomma, siamo pronti per rivestire i panni dei gemelli Weasley!

Scroll To Top