Home > Recensioni > Gemma Ray: The Exodus Suite
  • Gemma Ray: The Exodus Suite

    Bronze Rat Records / none

    Data di uscita: 10-06-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Gemma Ray torna con la sua ultima opera: The Exodus Suite, uscita in Italia il 10 Giugno 2016 per Bronze Rat Records.
Da più testate è stata definita  la  Regina  del  Noir  londinese. “Consequence Of Sound” affermò che Gemma fosse stata per  anni ingiustamente tagliata fuori dal radar del mainstream.  Anche questo ultimo album che racconta panorami noir ci porta a pensate che forse l’artista non intercetterà mai il flusso più ampio del mainstream, ma con buona probabilità ciò non rappresenta la sua aspirazione maggiore, perlomeno non più di diventare una musicista capace di entrare in sintonia con tutto e tutti senza peccare di magniloquenza.

Dopo Milk For Your Motors dove l’approccio diventava più cantautorale e leggero, sarebbe stato legittimo aspettarsi un album più lieve e colorato, mentre Gemma Ray ritorna sui suoi passi.

In questo manto da set cinematografico vestito di noir-pop si intrecciano le storie che costituiscono l’ossatura di The Exodus Suite. Si parla di esodi, di disperazione, e di ricerca di qualcosa che vada oltre le disparità sociali, vera piaga di ogni tempo. Non a caso sembra che una forte ispirazione durante la gestazione delle tracce sia arrivata dai sotterranei degli studios dove erano accampati migliaia di profughi siriani. Nel disco ciò si traduce nell’onirico e ancestrale viaggio di Shimmering, nella rabbia a denti stretti di There Must Be More, nell’emancipante sound sixties della conclusiva Caldera, Caldera!.

Pro

Contro

Scroll To Top