Home > Recensioni > Gerald Krampl: Wonder Way
  • Gerald Krampl: Wonder Way

    Gerald Krampl

    Data di uscita: 11-11-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Piano, viola e violini per 12 emozionanti episodi

Gerald Krampl, pianista e compositore viennese, con l’ausilio degli archi di Peter Sagaischek, ha realizzato questo “Wonder Way”, disco lineare, semplice ma comunque ricco di atmosfere rilassanti ed emozionanti. Piano, viola e violino compongono 12 brani strumentali d’effetto, che ci aiutano a rinconciliarci col mondo, mettendoci in pace con noi stessi. Melodie ben articolate con parti strumentali ben amalgamate tra loro vanno a formare un puzzle sonoro incatalogabile, etereo e mai fine a sé stesso, restando comunque validissimo. Un lavoro che si pone al limite tra classica e ambient, facendo una gran bella figura.

Nessun brano supera i 3 minuti, e questo la dice lunga sull’idea di composizione di Krampl: brani brevi, concisi che esprimono tutto ciò che devono dire in una durata piuttosto breve. Nessuna lunga suite strumentale, ma piccoli gioielli sonori (tra cui la splendida “A Winter’s Tale”). Piccoli virtuosismi pianistici, uniti ad archi superbi, permettono all’ascoltatore di viaggiare verso lidi lontani senza però distaccarsi dal mondo reale. Un buon modo per staccare la spina ai problemi quotidiani, anche se solo per qualche minuto.

Pro

Contro

Scroll To Top