Home > Recensioni > Ghemon: Mezzanotte
  • Ghemon: Mezzanotte

    Macro Beats / none

    Data di uscita: 22-09-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Esce il 22 settembre per Macro Beats come CD, vinile ed in versione digitale il nuovo album di Ghemon, Mezzanotte.
Nelle 14 tracce di Mezzanotte,  Gianluca Picariello continua la strada di Orchidee ma si muove con ancora più facilità (sarà merito di vocal coach Maria Beatrice Sinigaglia?) tra il rap più tradizionale in Kintsugi, melorecitazione in Magia Nera ed il vero e proprio cantato in Dopo la medicina seguendo la pista di Neffa ma senza copiare.

Nei testi, l’artista continua ad autoanalizzarsi riuscendo però ad evitare l’autoreferenzialità – vera e propria piaga del rap. Dai testi sorge il chiaro leitmotiv del disco – la rinascità, come nel brano di chiusura Kintsugi che prende il titolo da una tecnica giapponese di riparazione degli oggetti di ceramica usando l’oro concettualmente legata all’idea che dalla ferita può nascere qualcosa di migliore.

Ciò che distingue la nuova produzione firmata Ghemon è il fatto che è un disco interamente suonato dalla sua band – Le Forze Del Bene (insolito sulla scena rap italiana). Ed è anche suonato benissimo, mescolando le radici black di sfumature soul e funky alla tradizione del rap melodico italiano.
Una sorpresa è riservata a chi deciderà di acquistare la versione fisica dell’album: la copertina disegnata da Mecna (ma prima della uscita del disco niente spoiler!).

Tracklist:
1.    Impossibile
2.    Un temporale
3.    Magia nera
4.    Cose che non ho saputo dire
5.    Bellissimo
6.    Quassù
7.    Non voglio morire qui
8.    Mezzanotte
9.    A casa mia
10.    Siero buono
11.    Dentro di pieghe
12.    Niente di piu
13.    Dopo la medicina
14.    Kintsugi

Pro

Contro

Scroll To Top